L'INTERVISTA AL TUCANO

Mark Waid: Un anno di bandiera Parte prima

Il banner dell'Intervista al Tucano con Mark Waid


Il 2012 è stato un "Anno della bandiera" per Mark Waid, in più di un senso. Lo scrittore ha festeggiato il suo 25° anno di lavoro nel mondo dei fumetti (come scrittore, editor associato, editor, caporedattore, colorista e probabilmente qualche altro titolo di lavoro che stiamo dimenticando).
Oltre a continuare a lavorare su Daredevil, il personaggio più amato dai fan , alla Marvel, ha lanciato The Indestructible Hulk ("Banner Year" ... capito?) presso la stessa casa editrice, Steed and Mrs. Peel alla BOOM!, The Rocketeer: Cargo of Doom per IDW e il suo sito di fumetti online, Thrillbent.com, che presenta le opere sue e di altri autori. Come se non bastasse, quest'estate Waid ha vinto tre Eisner Award (sorprendentemente, i primi tre della sua carriera) come miglior scrittore, miglior serie continua (Daredevil) e miglior numero singolo (Daredevil #7), oltre al prestigioso Inkpot Award del Comic-Con. Abbiamo incontrato Mark a fine settembre per parlare della sua carriera in questa intervista, la prima di una serie di ospiti speciali del Comic-Con, del WonderCon Anaheim e dell'APE per il nostro nuovo blog Toucan. (Come sempre, cliccate sulle foto e sull'arte per dare un'occhiata più da vicino).

Toucan: Attualmente sta scrivendo Daredevil per la Marvel e IndestructibleHulk è stato lanciato il mese scorso. The Rocketeer: Cargo of Doom della IDW è appena terminata. Sta anche scrivendo Steed and Mrs. Peel per BOOM! Sul fronte dei fumetti digitali hai Insufferable in corso su Thrillbent.com, il tuo sito web, e al Comic-Con 2012 hai annunciato che stai realizzando una nuova graphic novel con l'artista Shane Davis per Legendary Comics. Mi sono perso qualcosa?

Mark: No, sembra un buon lunedì.

Tucano: Quindi la mia prima domanda è: quando dormi e mangi?

Mark: Sai, ho una famiglia molto paziente e amici molto pazienti che capiscono che ci sono molte volte in cui devo rintanarmi nel mio ufficio per ore e ore e ore. È un bel problema. Non posso mai lamentarmi di avere troppo lavoro. Spero che il lavoro in sé non risenta dell'eccesso di impegni, ma il fatto è che, in un certo senso, tutti usano muscoli diversi. Voglio dire, Hulk, Daredevil, sono storie che giocano nella sabbia di qualcun altro, lo stesso vale per Steed e la signora Peel. Sono storie divertenti da raccontare, ma in un certo senso ho avuto a che fare con quei personaggi fin da quando ero bambino, quindi sono sempre stati in agguato nella mia mente. Con le storie di Thrillbent, ovviamente, è molto più difficile che si tratti di storie frutto della mia immaginazione. In questo senso è molto più impegnativo, ma allo stesso tempo posso inventare nuovi modi di raccontare le storie insieme a Peter Krause, Nolan Woodard e Troy Petrie, il team creativo del libro, e questo mi stimola.

© 2012 Thrillbent

Vi faccio un esempio. Ecco il problema dei webcomic settimanali di cui non avevo tenuto conto. Conosco bene, dopo 20 anni di lavoro, il panico che si scatena con la scadenza di ogni sceneggiatura. Lo so bene. È un rituale mensile per ogni libro. Non sono mai terribilmente in ritardo, ma mi spingo sempre all'ultimo secondo. E quindi conosco il terrore che si insinua ogni mese quando faccio una serie mensile. Questa è settimanale, quindi mi capita ogni settimana. Ieri sera, verso le 23.30 - e onestamente ero stata colpita da un'infezione ai seni paranasali, ero sveglia dalle 7.00, ieri non ero letteralmente uscita di casa, nemmeno per andare a prendere la posta, niente, ero rimasta dietro la tastiera ed ero esausta - ma Pete Kraus aveva bisogno del prossimo capitolo di Insufferable per questa mattina, in modo da potersi muovere. E mi sono trascinata alla tastiera. Ma devo dirvi che nel momento in cui ho iniziato a pensare: "Oh bene, ecco qualcosa che non abbiamo mai fatto in digitale prima d'ora", oppure "Oh bene, ecco un modo per raccontare questa storia", o ancora "ecco qualcosa che posso inserire personalmente nella mia esperienza", ho ritrovato la mia energia. Il tempo è volato, ho guardato in alto ed era circa l'una, l'una e mezza, ho finito il capitolo e mi sono fatto una bella dormita.

Tucano: Questo si collega alla mia prossima domanda: per destreggiarsi con il carico di lavoro che ha, deve avere una certa disciplina. Cosa fai per lavorare ogni giorno?

Mark: Non c'è disciplina. Si potrebbe pensare che ci sia disciplina. No, no, no, non è disciplina, è solo una specie di punto in cui arrivi a un punto in cui devi fare qualcosa. Vorrei essere un uomo da 9 a 5. Vorrei essere un Geoff Johns o un Chuck Dixon a volte, che possono arrivare e ovviamente sono grandi scrittori, ma sono così disciplinati. In particolare Geoff entra letteralmente in uno studio alle 9:00, si siede alla tastiera, inizia a scrivere, fa una pausa pranzo, si siede di nuovo, scrive, finisce verso le 17:00, 18:00 e poi va a navigare su Internet o a fare tutto il resto della giornata. Ammiro questa disciplina, ma d'altra parte se volessi davvero un lavoro del genere, lavorerei nelle assicurazioni. Mi piace la flessibilità. Non c'è una logica o un motivo per farlo. Ci sono giorni in cui si scrivono 20 pagine e altri in cui si cercano online vecchi episodi di What's My Line? o qualcosa del genere. Vorrei saperlo. Penso che si potrebbero fare degli studi interessanti se si riuscisse a entrare in possesso delle cronologie dei browser della maggior parte degli autori di fumetti e vedere come sono le loro giornate, perché si va avanti e indietro per cercare un sinonimo di una parola per la quale si sta scrivendo una sceneggiatura, e poi si guarda un vecchio cartone animato di Flash Gordon.

Tucano: Perché in qualche modo è venuto fuori nella tua ricerca di sinonimi.

Mark: Esattamente. Lo prendo alla leggera, ma sono arrivato ad accettare a malincuore che questo fa parte del processo per me. Ognuno ha un modo diverso di lavorare, e per me sembra essere procrastinare, procrastinare, procrastinare, procrastinare, procrastinare e poi buttarsi nella mischia e finire tutto. Ne ho parlato molte volte con altri amici scrittori. Se potessi imbottigliare la sensazione che provo quando prendo un'onda - sai, quando mi siedo alla tastiera e improvvisamente mi viene un'idea e sono tutto eccitato e in quel momento non riesco a smettere di scrivere - potrei avere il lavoro più facile del mondo. Ma per qualche motivo, e questo vale per tutti noi, ogni volta che ci sediamo alla tastiera dimentichiamo cos'è quella sensazione.

Mark ai premi Eisner 2012 di

Tucano: In agosto ha festeggiato il suo 25° anniversario come professionista del fumetto. Dopo tutto questo tempo, qual è il suo momento più memorabile come professionista del fumetto?

Mark: Wow, questa è un'ottima domanda. Non necessariamente qual è la mia storia più memorabile o la più memorabile come professionista del fumetto, è un'ottima domanda perché ce ne sono così tante e sono stato molto fortunato. Sai cosa, aiutami a restringere il campo. Giochiamo all'associazione di parole. Dammi qualcosa. Dammi qualcosa come le convention, le firme nei negozi, non lo so.

Tucano: Che ne dice di vedere il suo nome sulla carta stampata per la prima volta come scrittore?

Mark: È stato fantastico. Probabilmente il mio momento più memorabile è quello in cui ho fatto il fan reporter per la rivista Amazing Heroes. E alle convention, andando avanti e indietro come collegamento con gli ospiti e conoscendo artisti e scrittori. E naturalmente, a quel punto della mia vita, l'unica cosa che volevo fare era scrivere fumetti.

Non è vero, volevo diventare un editore, ma volevo essere coinvolto nei fumetti. Volevo iniziare come scrittore e vedere se c'era qualcosa, e nel 1984 andai a trovare Julie Schwartz e mi sedetti con lui nel suo ufficio. Ero un ragazzino di 22 anni molto nervoso e mi presentai con una proposta per una storia di Superman di 8 pagine. Questo accadeva circa un anno prima che John Byrne prendesse in mano l'albo, e l'ordine impartito dall'alto, da Jenette Kahn e Paul Levitz a Julie Schwartz, era che ci sono dei grossi cambiamenti in arrivo, e non sappiamo quando avverranno. Nel frattempo, il materiale di Superman va benissimo a livello internazionale per noi, ma abbiamo bisogno che sia un po' più adatto ai bambini rispetto al resto della linea DC. Non vendiamo ovviamente fumetti per bambini, non la linea Johnny DC, ma facciamo in modo che siano adatti ai bambini e che siano abbastanza autoconclusivi e in incrementi di 8 pagine. A quel punto lo standard del settore era di 22 pagine, e lo era già da un po', ma se si va indietro a guardare, tutti gli albi di Superman e Action Comics di Julie erano di 24 pagine, perché era quello che volevano gli operatori di mercato stranieri. Volevano 8, 16, 24 [pagine], volevano cose da confezionare in album grafici di 48 pagine. Quindi, tenendo conto di questo, Julie stava comprando un mucchio di storie di 8 pagine da chiunque si dimostrasse promettente, e io arrivai, proposi la mia storia e lui la comprò lì sul posto, e io ero al settimo cielo. Probabilmente quello è ancora il giorno più bello della mia vita professionale.

Tucano: Qual era la storia?

Mark: Era una storia intitolata "L'enigma della Fortezza Saccheggiata". Devo riconoscermi il merito di aver scritto per il mio pubblico. Sapevo cosa piaceva a Julie. A Julie piacevano le storie con un forte aggancio nella prima pagina. Gli piacevano le storie con un espediente. Gli piacevano le storie con un colpo di scena finale e con quel titolo allitterante e roboante. Così gli proposi una storia in cui Superman arriva alla Fortezza della Solitudine e, aprendo la porta, scopre che il posto è stato ripulito e svaligiato. Si tratta quindi di una sorta di mistero a porte chiuse. Chi può aver rubato il contenuto della Fortezza della Solitudine?

Tucano: Sarebbe un regalo se chiedessi chi è stato?

Mark: Fidati, non vale la pena di approfondire. Prossima domanda. Prossima domanda.

Tucano: Se il Mark Waid di oggi potesse tornare indietro e dire al Mark Waid del 1987 qualcosa sul lavoro nell'industria dei fumetti, cosa direbbe?

Mark: Mettetelo per iscritto, questo è uno. Non sovraccaricarsi di lavoro e pianificare meglio la propria carriera. Il mio unico rimpianto è che vorrei aver fatto un lavoro un po' migliore di restringimento, scegliendo i miei incarichi con un po' più di attenzione. Non che ce ne siano molti. Voglio dire che nel curriculum di tutti c'è un po' di merda. È così e basta. Nessuno lo supera. Persino Alan Moore ha scritto quelle orribili storie di Vigilante.

Soprattutto sulla scia di Kingdom Come, ho finito per essere corteggiata da tutti nel mondo, il che è stato dolce ed è bello essere la ragazza carina alla festa, e probabilmente ho accettato un po' troppo lavoro... Penso che qualcuno come Neil Gaiman abbia avuto l'idea giusta. Neil avrebbe potuto scrivere due o tre libri diversi della DC nel periodo in cui stava scrivendo Sandman, ma si è limitato a un solo libro e lo ha fatto in modo intelligente. Ha fatto un solo libro, l'ha fatto al meglio delle sue capacità, ha concentrato tutte le sue energie lì, e quella cosa sarà stampata per sempre. Al contrario, ho scritto una tonnellata di storie brevi di Lanterna Verde per i Giganti di 80 pagine che nessuno ricorda. Inoltre, Neil ha un talento pazzesco e io sono un ragazzo alla tastiera, ma questo non è un problema.

Christopher Reeve

Tucano: Di tutti i personaggi che ha scritto negli ultimi 25 anni, chi è il suo preferito?

Superman. Non dovevi nemmeno finire la domanda.

Tucano: Perché Superman?

Mark: Beh, non è il personaggio che mi ha attirato, perché Batman è stato il personaggio che mi ha attirato quando avevo 4 anni e guardavo Adam West cavalcare in televisione. È Superman perché mi piaceva quando ero adolescente e mi piaceva il mito. Mi piaceva tutta la continuity e mi piaceva la costruzione del mondo intorno a Superman e così via, ma la mia anima non apparteneva ancora a Superman. E poi il 26 gennaio 1979 - probabilmente il giorno più importante della mia vita, sicuramente uno dei due o tre più importanti - sono andato a vedere Superman, il film. Sono entrato in quel cinema ed ero un ragazzo con una vita familiare travagliata, non ero sicuro di cosa volessi dalla vita, ero depresso. Intendo dire che non ero depresso, ma più che altro ero un adolescente; stavo iniziando ad avere a che fare con problemi di depressione e senza figure genitoriali forti, e volevo uscirne. Non voglio abbassare il livello della conversazione, ma diciamo che è stato un periodo molto, molto, molto buio della mia vita, probabilmente il più buio. Entrai in quel cinema con la sensazione che a nessuno al mondo importasse chi fossi o cosa volessi o quale potesse essere il mio posto nel mondo e che a nessuno importasse un accidente. E sono uscito da quel film, dopo averlo visto due volte di fila, semplicemente sollevato perché - e mi ci è voluto molto tempo per fare due più due, probabilmente altri 20 anni per capire i pezzi di questo puzzle - ciò che è realmente accaduto in quel film è che Superman è un personaggio, specialmente se incarnato da Christopher Reeve, che si preoccupa di tutti. Non importa che tu sia bianco o nero, ricco o povero, americano o indiano o qualsiasi altra cosa, uomo o donna. Lui si preoccupa di tutti e quella compassione si è irradiata e in qualche modo, attraverso quell'interpretazione, quel film e quel momento nel tempo, mi ha raggiunto in un modo che nient'altro aveva mai fatto e nient'altro ha fatto da allora. Da quel momento in poi ho capito che il resto della mia vita, a prescindere da cosa sarebbe stato e da cosa sarebbe ruotato intorno, avrebbe dovuto coinvolgere Superman. Sembra quasi saccente dirlo in questo modo, ma per quanto sembrasse improbabile quando ero un bambino, Superman mi ha davvero salvato la vita, e lo dico nel modo più fondamentale, e questa è una fedeltà che non scomparirà mai.

Quindi mi ha portato su una strada abbastanza buona. Poteva andare molto peggio. Sarei potuto andare a vedere Il buono, il brutto e il cattivo, e sarebbe potuto essere Clint Eastwood ad avermi influenzato e io avrei dedicato la mia vita a Clint Eastwood e starei difendendo un tizio che urla contro una sedia vuota sul palco.

Tucano: Oppure potresti indossare un serapé in questo momento.

Mark: Esattamente. Potrei andare in giro con un pezzo di metallo nascosto sotto di me per proteggermi dai proiettili, fumando un cheroot. Ci sono difetti e insidie nell'imprimere un'impronta simile a un personaggio dei fumetti che diventano più evidenti con l'avanzare dell'età. Gli ovvi lati positivi del dire "Beh, voglio essere come Superman" sono ovviamente che Superman è un grande modello di comportamento per i bambini in termini di correttezza, compassione, etica e morale, ma c'è anche un lato oscuro, e non posso fingere che non si insinui anche nella vostra coscienza: Superman significa anche mentire ai vostri amici su chi siete veramente. Superman significa anche mettere gli altri davanti a se stessi a tutti i costi e, così facendo, non badare sempre a se stessi, cosa che nel mondo reale si è costretti a fare. Superman parla di bianco e nero e noi viviamo in un mondo che non è bianco e nero. Così, verso i 30 e i 40 anni, mi sono reso conto che ci sono alcuni miei difetti caratteriali o alcune mie mancanze personali. Non li metterò ai piedi di Superman, ma dico solo che questo è il modo in cui ho interpretato ciò che ho letto da bambino, ma è interessante come a livello subliminale e molto profondo, quando ero impressionabile e giovane, alcune di queste cose abbiano preso piede. E se si considera l'influenza dei fumetti, della loro etica e morale e dei loro messaggi su di me da bambino, se lo si guarda come un grande giardino lussureggiante pieno di bellezza, di etica e morale e di fare la cosa giusta ed essere sinceri e così via, ci sono alcune erbacce nel giardino. Probabilmente ho allungato l'analogia il più possibile senza che crollasse sotto il suo stesso peso, ma in un certo senso l'avete capita, no?

Arte di Paolo Rivera

Tucano: Lo capisco, e si riferisce anche a Daredevil, perché è probabilmente uno dei personaggi più etici dei fumetti in questo momento, almeno per come lo scrivi tu. Per un po' di tempo è stato scritto in modo troppo cupo e conflittuale, una specie di antieroe, ma ora hai riportato la positività in lui ed è molto morale ed etico.

Mark: Penso che debba esserlo, e ancora una volta non parlo a nome di tutti coloro che hanno scritto o disegnato Daredevil e sarei sciocco se lo facessi, perché è una schiera di grandi talenti, ma dal mio punto di vista Matt non aveva altra scelta se non quella di essere morale ed etico, perché è così profondamente radicato nella sua psiche... deve credere. ... deve credere. E quando dico che deve credere, non dico che deve credere a questo e a quest'altro perché voglio che accada. Sto dicendo che penso che non abbia altra scelta che credere che il bene possa trionfare e che la luce possa arrivare, che il bene venga dal bene. Che le cose possono essere messe a posto, che il mondo può essere reso giusto e che ci può essere giustizia, perché altrimenti non c'è alcuna ragione al mondo per cui un bambino di 10 anni che ha aiutato un uomo dall'altra parte della strada nel traffico possa essere rimasto cieco in un terribile incidente e gli sia stata portata via tutta questa roba. In altre parole, se sei Matt Murdock, devi credere che non c'è un motivo, non c'è una sorta di destino cosmico dietro l'incidente che è accaduto, ma solo a un livello più fondamentale. Bisogna credere che da queste cose possa nascere del bene. Ha senso?

Tucano: Sì, decisamente.

Mark: Non sono sicuro di aver centrato esattamente il punto, ma le domande che mi fai sono ottime, perché mi fai articolare cose che non ho ancora articolato in 800.000 interviste su Daredevil.

Tucano: Hai ragione sul fatto che Daredevil, nel corso degli anni, ha avuto una schiera di creatori di tutto rispetto, ma è anche un personaggio che ogni tanto deve essere rimesso in moto.

.

Tucano: Cosa l'ha attratta del personaggio che le ha fatto desiderare di occuparsi del libro in questo momento?

Mark: Una storia breve. Una storia breve professionale, in realtà, che è stata scritta alla fine degli anni '70 ed era... hai mai visto quei romanzi Marvel della fine degli anni '70, inizio anni '80?

Tucano: Ted White ne scrisse uno su Capitan America, credo, ma forse era negli anni '60.

Mark: Sì, e Otto Binder ne scrisse uno sui Vendicatori , e questo negli anni '60. Negli anni '70 erano Len Wein, Marv Wolfman, Ron Goulart e altri a scrivere romanzi su Hulk, Fantastici Quattro e Spider-Man. Ma c'era una raccolta di racconti, Marvel Superheroes, e credo che Chris Clairemont ne abbia scritto uno e so che Jim Shooter ne ha scritto uno, e all'interno c'era un racconto su Daredevil scritto da Marty Pasko - uno dei miei scrittori preferiti - con uno pseudonimo che ora mi sfugge, non ricordo più. Ho letto quel racconto quando ero bambino e inizia con Matt che si sveglia al mattino, è così semplice. In prosa non si hanno gli spunti visivi che si hanno con Daredevil e il suo senso radar, bisogna affidarsi esclusivamente alla prosa, e Marty ha fatto un ottimo lavoro nel delineare in poche pagine com'è la vita di chi ha il senso radar e i sensi potenziati e deve vivere in quel mondo. E il modo in cui si è concentrato sui poteri di Matt, il modo in cui li ha definiti in prosa, mi ha fatto davvero riflettere, e ho sempre amato questa serie di superpoteri. Sono sempre stato affascinato da come fosse il mondo attraverso i sensi potenziati di Matt Murdock. È stato questo, più di ogni altra cosa, ad attirarmi verso il libro. Sono sempre stato un fan e, onestamente, l'altra cosa che mi ha attirato è che la Marvel era fantastica. Gli dissi: "Senti, accetto l'incarico, ma non posso fare quello che ha fatto Frank. Non posso fare storie nello stile di Frank Miller, perché non è quello che so fare bene. Vorrei fare quello che ha fatto Frank, cioè fare le mie cose. Andare a rompere il tono dell'albo che era stato stabilito da quando Frank era arrivato e cercare di trovare una nuova voce. Penso che sia stato un azzardo terribile, davvero, perché c'è ogni possibilità al mondo che i fan mi abbiano appeso al chiodo e abbiano detto: "Questo non è Bendis, andate all'inferno". Dov'è Hell's Kitchen, dov'è Dark Daredevil, dov'è il sangue? Invece, grazie a Marcos Martin e a Pablo Rivera, gli artisti, abbiamo trovato il posto giusto al momento giusto, non lo so, ma abbiamo fatto centro.

Tucano: Beh, sia per quanto riguarda la scrittura che l'arte, molti lettori pensano che lei abbia reso Daredevil di nuovo divertente.

Mark: Sai che il motivo per cui non è stato divertente è che i fumetti divertenti non vendono. Grazie. . . hai appena ucciso il libro, grazie.

Tucano: Non credo che il libro sia in pericolo di morte in questo momento. Se si guarda al passato, il personaggio ha quasi 50 anni. Li compirà nel 2014. È stato creato per essere un supereroe divertente e spiritoso, come lo era l'Uomo Ragno all'epoca, non che l'Uomo Ragno, soprattutto sotto Ditko, non abbia avuto i suoi momenti bui, ma Daredevil era molto più leggero.

Mark: In un certo senso era lo Spider-Man dei poveri, in quanto cercavano di emulare lo stesso tipo di soap opera, ma il problema di Matt Murdock era che, innanzitutto, il cast di supporto era molto più ridotto. Spidey aveva un cast di supporto enorme, mentre Matt aveva Foggy e la sua segretaria Karen e basta. E per qualche motivo non è così angosciante e da soap opera quando i problemi accadono a un avvocato adulto di successo e ricco come quando accadono a un adolescente sfortunato che lotta per pagare l'affitto. È sempre stato un libro di cappa e spada, e questo mi è piaciuto molto da bambino. Questo è uno dei motivi per cui il personaggio mi piaceva da bambino, ma sai bene quanto io conosca i fumetti divertenti... chiudono fuori città. Soprattutto nel mondo dei supereroi non c'è molto spazio per l'estro, la leggerezza o altro. Non capisco perché sembriamo essere sfuggiti a questa maledizione per il momento, ma la guardo come se fossi il coyote che si butta dalla scogliera. Non voglio guardare giù o cadrò.

Arte di Leinil Yu

Tucano: Prima hai detto che una delle cose che ti affascinano del personaggio è il modo in cui vede le cose, e credo che, soprattutto con l'arte, tu stia portando molto di questo sulla pagina. Il lavoro di griglia sui corpi e sugli oggetti, l'incredibile copertina del primo numero e tutte quelle cose sullo sfondo, tutto come le vede lui, contribuiscono a dare un aspetto totalmente diverso a questo personaggio. Ma questa intervista non riguarda solo Daredevil. Andiamo avanti e parliamo un po' di Hulk. Per quanto riguarda l'acquisizione di un personaggio che esiste da 50 anni, cosa l'ha spinta a occuparsi di Hulk?

Mark: Ero nella stessa situazione. Mi hanno detto: "Ehi, fai Hulk", e io ho avuto la stessa reazione che ho di solito quando mi propongono un personaggio Marvel, ovvero non mi interessa. Non credo di essere in grado di farlo e poi me ne vado e ci penso per un po' e trovo un piccolo appiglio. E in questo caso non si trattava solo di "Ehi, vogliamo che tu faccia Hulk", ma di "Vogliamo che tu faccia Hulk e che cerchi di infondere la stessa vita che hai infuso in Daredevil" .Sembra fantastico e lusinghiero, ma non sono sicuro di cosa significhi, perché all'apparenza si tratta di due personaggi e allestimenti molto diversi. Con Daredevil si possono raccontare molti tipi di storie diverse e c'è molto più spazio per le battute di spirito tra i personaggi e per l'ironia, l'umorismo, l'intelligenza e così via. Penso che i personaggi siano intelligenti e mi piace scrivere in modo intelligente. Hulk è una forza della natura che è un motore vivente di distruzione, e la mia vecchia battuta era: "Non capisco perché Bruce non si butti giù da un ponte ogni giorno". È il personaggio più tormentato di tutti i fumetti.

Quindi, pensando a questo, mi sono detto: "Ok, cosa facciamo? Cosa facciamo per ricreare in qualche misura quello che abbiamo fatto con Daredevil? Qual è il punto in comune? Cosa può unire queste due serie dal punto di vista tematico? E poi mi è venuto in mente di nuovo. Ancora una volta, l'idea del tormento. Sia Matt Murdock che Bruce Banner erano personaggi terribilmente tormentati. Anzi, direi che Stan Lee e Jack Kirby, con Hulk, hanno creato nel 1962 il primo supereroe tormentato per antonomasia. Prima di allora l'unico contendente sarebbe stato la Cosa dei Fantastici Quattro, che ha preceduto Hulk di circa mezzo anno, ma la Cosa non era felice nella sua pelle e non sopportava di essere la Cosa, ma aveva comunque un senso dell'umorismo ed era comunque eroico e non era tormentato ogni secondo della giornata. Mentre Bruce Banner, dal momento in cui diventa Hulk, è debole e oppresso e sembra che voglia morire ogni momento. È in fuga ed è solo... ancora una volta, tormentato è la parola che non si può non usare quando si parla di Bruce Banner. Quindi ho detto: "Ok, beh... il mio problema con questo nei fumetti di oggi è che non puoi andare in fumetteria e lanciare un bastone senza colpire un fumetto su un supereroe tormentato. Sono tutti tormentati. Cavolo... . . Voglio dire, guardate la linea DC. Il tormento è la chiave tematica dell'intero nuovo DCU. Devono essere persone che si sentono maledette dai loro poteri. "I miei poteri sono una maledizione". Oh, guarda le cose orribili che mi succedono perché ho i superpoteri. E questo mi stufa, amico. Voglio dire, è uno strumento narrativo valido, ma farne la chiave di volta di interi universi di fumetti... e non è solo limitato alla DC. Ci sono molti eroi che sentono che i loro poteri sono una maledizione e ho pensato: "Beh, Banner ha dato il via a questa storia e ora tutti sono così, quindi forse dovremmo prendere Banner in una direzione completamente diversa. Forse Banner non deve più sentirsi maledetto dai suoi poteri, e questo mi ha portato a fare quello che abbiamo fatto con Matt Murdock, ovvero dire: Bruce Banner si sveglia un giorno e ha la sua epifania come Matt Murdock. L'epifania di Matt Murdock è stata: "Sono stanco di essere depresso, sono stanco di scavarmi la fossa, sono stanco di essere sempre infelice, quindi non lo sarò più". E ci sono delle complicazioni che ne derivano, ovviamente, ma è un po' quello che stiamo facendo ora nella serie, ma con Banner: lo stesso tipo di situazione. Banner si alza una mattina e si rende conto che tutto ciò che ha fatto nel suo laboratorio negli ultimi 50 anni Marvel è stato cercare di impedire a se stesso di essere Hulk, senza mai funzionare. Tony Stark diventa un miliardario super geniale e Reed Richards riceve un premio Nobel dopo l'altro, ma sulla tomba di Bruce Banner ci sarà scritto "Hulk Smash" e questo è uno schifo. E così la nuova visione della vita di Banner è che mentre Hulk distrugge, Bruce Banner costruisce. Non posso liberarmi di Hulk. Posso minimizzare il suo impatto. Posso cercare di arginarlo al meglio, ma succederà, quindi quando succederà dovrò essere sicuro di essere nella direzione giusta, di trovarmi in posti dove Hulk può essere usato. Devo assicurarmi di avere intorno a me persone e personale di supporto che possano indirizzare Hulk nella giusta direzione. Nel frattempo, trascorrerò le mie ore civili non più ossessionato da questo problema irrisolvibile con Hulk, ma da come bilanciare la bilancia karmica per tutte le cose che Hulk ha fatto. In questo senso, non è una storia di ritorno e non è una leggera avventura da Silver Age, ma allo stesso tempo è una storia più positiva e meno cinica.

Tucano: È stato lei a ideare la tagline "Indestructible"?

Mark: No, in realtà è stato Mark Paniccia, l'editore, ma si adatta perfettamente alla storia perché si tratta di Bruce Banner che a un certo punto deve rendersi conto che non può liberarsi di Hulk, per quanto ci provi. Semplicemente non può. È indistruttibile.

Anche la nostra Intervista del Tucano a Mark Waid è indistruttibile, e continua nella seconda parte... cliccate qui per leggerla!

Scritto da

Pubblicato

Aggiornato